Chieti: CasaPound Italia presentazione il libro-testamento di Dominique Venner presso la nuova sede

https://scontent-mxp1-1.xx.fbcdn.net/v/t1.0-0/s526x395/15202671_906888046111184_7619782574101920710_n.jpg?oh=03aa5d0a235da53ce24b1a8c3cb32dee&oe=58C1DC3F

Si terrà oggi a partire dalle ore 18.00 presso il Biplano in via Galiani 2/B (zona Santa Maria) la presentazione del libro di Dominique Venner ‘Un Samurai d'Occidente – il breviario dei Ribelli’.
I relatori saranno Sébastien de Boeldieu, responsabile delle relazioni estere per CasaPound Italia e Alberto Brandolin, per CasaPound Italia Chieti.

“Con questa conferenza, che sarà la prima di un percorso culturale che ci accompagnerà per tutto il 2017 – spiega Francesco Lapenna, responsabile cittadino del movimento – vogliamo ricordare lo storico francese che si è dato volontariamente la morte il 21 maggio del 2013 a Notre Dame ‘per risvegliare le coscienze addormentate’ e ‘rompere la letargia che ci sopraffa’, come lo stesso Venner ha spiegato in una lettera-testamento".

"Quello di Venner è stato infatti un atto tanto estremo quanto lucido e consapevole – prosegue Lapenna – che nulla ha a che vedere con i gesti tragici, isterici e insensati con cui la cronaca ci ha abituati a fare i conti in questo secolo: niente a che fare con il fanatismo religioso, né con la rabbia feroce e distruttiva di chi uccide in strada a colpi di piccone o con la cieca disperazione di chi, vittima di se stesso e del sistema perverso in cui vive, si toglie la vita insieme ai figli. Un gesto che si salda in maniera inscindibile con il messaggio di riscatto, di lotta e di consapevolezza del compito che ci grava sulle spalle trasmesso dal testo di cui parleremo durante la conferenza”.

 

“Attraverso questo appuntamento, a cui tutta la cittadinanza è invitata a partecipare, – conclude Lapenna – vogliamo ricordare la figura di questo straordinario personaggio del nostro tempo e diffondere la profondità del suo pensiero. Nella realtà odierna, in cui la nostra stessa Civiltà vive un pericolo mortale, l'eredità di Venner è un monito per tutti: ‘ognuno di noi è l'ultimo degli europei’ " .

Categoria(e): Appuntamenti, Comunicati Stampa

I commenti sono chiusi